Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
J.F. AMONN Srl

COSA BISOGNA SAPERE PRIMA DI PROCEDERE ALLA POSA?

Informazioni di carattere generale

Prima di procedere alla posa del parquet è necessario conoscere le tipologie di legno, il sottofondo e i diversi accorgimenti necessari a garantire un lavoro a regola d’arte.
 
 

Il legno. Esistono fondamentalmente 3 tipologie di pavimenti in legno: il massiccio ed il massello costituiti da un’unica essenza di legno ed il multistrato, un incrocio di varie essenze con la parte nobile di spessore variabile che rimane a vista. I primi due si trovano in commercio con e senza sistema di incastro maschio – femmina. Nel caso si utilizzasse il sistema senza incastro, il pavimento in legno dovrà essere incollato al supporto sottostante, nell’altro caso si potrà optare a scelta per l’incollaggio esclusivamente degli incastri o solo al sottofondo o entrambi per la massima stabilità. Il pavimento multistrato invece viene spesso montato anche in maniera flottante, ma per ridurre la rumorosità o in caso di pavimento riscaldato è meglio incollare il pavimento anche per una migliore trasmittanza termica.

Il sottofondo. Qualora si optasse per una posa incollata, per eseguire una corretta lavorazione è molto importante la conoscenza del sottofondo, cioè il massetto, che deve essere asciutto, pulito, privo di fessurazioni, compatto, meccanicamente resistente, sufficientemente liscio in quota e piano.

  • L’umidità. Grazie alle tecniche più recenti, al massetto tradizionale realizzato con una miscela di sabbia acqua e cemento, si sono aggiunti altri due tipi: quello in anidrite costituito da una miscela di acqua e solfato di calcio e quello a rapida essiccazione, ossia di tipo cementizio, ma additivato con leganti idraulici per favorire l’essiccazione. Quest’ultimo è sempre più utilizzato. Il controllo dell’umidità residua è particolarmente importante con questo sottofondo, poiché i tempi già brevi di lavorazione, inducono a volte ad accelerare le tempistiche oltre a quelle minime prescritte. Inoltre se si presenta il fenomeno del “bleeding” (ovvero dell’essudazione del massetto cementizio) spesso dovuto a eccessivo quantitativo d’acqua nell’impasto o eccessiva bagnatura durante le operazioni di finitura, bisogna provvedere alla sua asportazione meccanica. Se le condizioni di umidità residua non rispecchiano quelle richieste e nel caso di bleeding, si corre il rischio che il parquet si distacchi per via del movimento del legno che assorbe l’umidità. Per velocizzare i tempi di essiccazione, si può carteggiare la superficie del massetto per aprire le porosità favorendo l’evaporazione dell’acqua in eccesso, utilizzare deumidificatori e riscaldare l’ambiente. L’utilizzo d’idonei primer isolanti (ad esempio Stufex PR 91, Stufex PR 92) permette incollaggi anche a umidità più elevate minimizzando il rischio. In caso di risalita continua di umidità dal sottofondo non è però possibile posare un pavimento in legno. (Consulta nella tabella l’umidità di lavorazione ideale).
  • Sistemi di misurazione. Per rilevare l’umidità presente nel sottofondo si possono utilizzare misuratori di superficie o di profondità. I misuratori di superficie (tipo Aquaboy) utilizzano la conduttività elettrica dell’acqua per stabilire la percentuale di umidità presente, però non forniscono dati molto affidabili, soprattutto per la tipologia di massetto tradizionale. I misuratori di profondità danno invece risultati molto più affidabili, ma implicano la foratura in profondità del massetto con il rischio di danneggiare tubazioni e/o cablaggi sottostanti.
  • La consistenza. Prima di procedere all’incollaggio, bisogna anche accertarsi che il massetto sia solido, coeso e non sfarinante e non ci sia presenza di polvere di altre lavorazioni. La polvere in superficie su sottofondi rapidi di nuova generazione, può anche essere provocata da un’essiccazione troppo veloce dovuta a correnti d’aria. È buona prassi quindi posare il sottofondo a serramenti montati. In caso di dubbi sulla coesione del massetto, l’utilizzo d’idonei primer (ad esempio Stufex PR 99, Stufex PR 100) può migliorare notevolmente l’aggrappaggio.
  • Il riscaldamento a pavimento. Grazie ad una distribuzione della temperatura più uniforme all’interno dell’abitazione ed alla riduzione del consumo energetico, si è molto diffuso il sistema di riscaldamento a pavimento che viene integrato nel sottofondo. Anche il legno, pur essendo un materiale isolante, se utilizzato con spessori adeguati, può essere posato su un sistema di riscaldamento a pavimento. L’incollaggio al sottofondo diventa a questo punto indispensabile sia per garantire una stabilità al sistema, che per migliorare la capacità di trasmissione della temperatura. Nel caso d’incollaggio su pavimenti radianti, è indispensabile il rispetto delle percentuali di umidità massime prescritte, senza l’eventuale utilizzo di un primer impermeabilizzante. Per aiutare l’essiccazione del massetto e raggiungere la percentuale di umidità corretta, si può provvedere a cicli di accensione dell’impianto di riscaldamento.
  • Sottofondi particolari. In alcuni casi capita di dovere posare il pavimento in legno direttamente su ceramica, marmo o addirittura su lamiere metalliche. Su questi supporti non assorbenti è obbligatorio l’utilizzo di uno specifico primer che funge da promotore di adesione (ad esempio Stufex PR 93) abbinato ad una colla bicomponente.
 
Vai alla lista