Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
J.F. AMONN Srl

COME SI APPLICANO I PRODOTTI?

La preparazione del supporto e la verniciatura

Dopo la posa è importante procedere ad un adeguata preparazione del supporto, che si ottiene con una lavorazione a più stadi.
 
 

Diversamente da quanto accadeva in passato, oggi per lo più vengono commercializzati elementi già realizzati con incastri ottimizzati e precedentemente levigati, che non necessitano quindi di stuccatura e di levigatura. Nel caso però in cui si decida di utilizzare legni grezzi o nel caso di ripristino di vecchi parquet, è importante seguire le seguenti lavorazioni:

La levigatura. Nella prima fase (levigatura grossa) il pavimento deve essere carteggiato con apposita levigatrice utilizzando una carta con grana 36 – 40. Nell’esecuzione della levigatura è importante proseguire lungo la venatura del legno o in diagonale, evitando così di lasciare segni sulla superficie trattata. Altrettanto importante è alzare e abbassare il rullo abrasivo a inizio e fine corsa al fine di evitare di creare zone con diversa profondità. Queste zone vanno infine ritoccate con carteggiatrice orbitale con medesima grana passando in senso contrario alla direzione di levigatura precedente. Nella seconda fase (levigatura media) si esegue una carteggiatura con una grana più fina, solitamente tra 60 – 80. Prima di procedere a questa fase è consigliabile provvedere alla pulizia della superficie con un aspirapolvere. Infine si avrà un ultimo passaggio (levigatura fine), in cui si finalizza la superficie del legno utilizzando una carta con grana 100 – 120.

La stuccatura. Per chiudere le fessure tra i diversi elementi del parquet, si utilizza la polvere di levigatura ottenuta durante le fasi di preparazione del supporto, miscelandola insieme a prodotti appositi per ottenere uno stucco riempitivo del medesimo colore del legno. Amonn propone i prodotti Stufex R 1500, Stufex Gel Stucco e Stufex Stucco VT con diverse caratteristiche da abbinare ai cicli di verniciatura scelti. La pasta ottenuta va distribuita all’interno delle fughe e dopo circa un’ora si potrà carteggiare con grana 120 – 150, ottenendo una superficie liscia ed omogenea.

La preparazione di fondo. Dopo le fasi di levigatura e stuccatura del legno è possibile procedere alla stesura di una mano di fondo. Amonn propone i suoi fondi Stufex R 1551, Stufex R 31 e Stufex R 24 da abbinare ai cicli di verniciatura successivi. Il prodotto va applicato tipicamente mediante un rullo in microfibra o con pelo di lunghezza media (ca 6 – 8 mm), ma anche a pennello incrociando i versi di applicazione, così da ottenere una superficie uniformemente trattata. Per i prodotti Stufex R 31 e Stufex R 24, dopo apposito tempo di essiccazione, si dovrà procedere alla carteggiatura, mentre per il prodotto Stufex R 1551 si potrà procedere ai successivi cicli di verniciatura evitando di carteggiare.

La verniciatura. L’ultima fase del ciclo è la verniciatura, con due mani di finitura da applicare a pennello, rullo o a spruzzo con pistola airmix. Anche durante la verniciatura è consigliabile incrociare il verso di stesura per ottenere un risultato più omogeneo. Tra le due mani è importante effettuare una carteggiatura intermedia con carta abrasiva grana 180 – 200. Nell’applicazione a spruzzo su un pavimento già posato, bisogna porre particolare attenzione alla polvere di vernice nebulizzata che, depositandosi sul pavimento, può creare puntinature. Per questo motivo questo sistema è più utilizzato per applicazione su elementi prefiniti che vanno poi montati in loco come ad esempio pedate ed alzate di scale. Per un risultato ottimale si consiglia di rispettare i tempi di essiccazione tra le due mani e aspettare almeno 24 ore prima di calpestare le zone trattate. Si consiglia inoltre di aspettare almeno 7 giorni prima di portare mobili all’interno dell’ambiente.

Alcuni consigli utili.

  • Quando si applica un quantitativo di vernice inferiore a quello necessario può succedere che la vernice non si distenda e si vedano i segni del rullo. La stessa cosa accade anche a causa di temperature troppo elevate (superiori ai 30°C), in tal caso basta utilizzare un diluente ritardante (tipo Stufex diluente 019) o procedere all’applicazione durante le ore più fresche.
  • Se passate 24 ore la vernice non è ancora carteggiabile, può dipendere dall’ambiente troppo umido. In tal caso arieggiare il locale o utilizzare dei deumidificatori in modo da velocizzare i tempi di essiccazione.
  • Una corretta carteggiatura tra le varie mani permette di creare il corretto ancoraggio tra gli strati di vernice ed evita il fenomeno dello sfogliamento.
  • Se il pavimento risulta pieno di puntini, normalmente dipende da residui di carteggiatura non tolti prima della verniciatura. Aspirare perfettamente e passare un panno antistatico prima della verniciatura evita questo problema.
  • Il fenomeno della vernice che schiva si manifesta in caso di presenza sulla superficie da trattare di sostanze inquinanti quali oli o siliconi. Bisogna interrompere subito il lavoro di verniciatura e pulire adeguatamente il sottofondo.
 
Vai alla lista