Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
J.F. AMONN Srl

Il nuovo Codice di prevenzione incendi

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale

24.08.2015 -

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 192 - Suppl. Ordinario n. 51 del 20 agosto è stato pubblicato il decreto del Ministro dell’Interno 3 agosto 2015, in cui si sancisce la “Approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi, ai sensi dell'art. 15 del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139”.
Il decreto è volto a semplificare ed ottimizzare l’attuale normativa relativa alla prevenzione incendi, attraverso l’introduzione di un unico testo organico e sistematico che entrerà in vigore il novantesimo giorno successivo alla data di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale. La peculiarità di questo nuovo testo è rappresentata dall’utilizzo di un approccio metodologico, al passo con il progresso tecnologico e gli standard internazionali, che consentirà il passaggio da un sistema più rigido, caratterizzato da regole prescrittive, ad uno che predilige l’approccio prestazionale, capace cioè di raggiungere elevati livelli di sicurezza antincendio attraverso un insieme di soluzioni tecniche più flessibili e aderenti alle peculiari esigenze delle diverse attività.


Il decreto è disponibile a questo link.
Il decreto si compone di cinque articoli e di un corposo allegato tecnico.

Gli articoli specificano le attività per cui potrà essere applicata la nuova normativa e precisa anche le modalità di adozione della nuova metodologia introdotta in alternativa alle vigenti disposizioni di prevenzione incendi, per consentire l’introduzione del nuovo approccio con la necessaria gradualità.

L’allegato è strutturato in quattro sezioni:
Sezione G Generalità, con i principi fondamentali per la progettazione della sicurezza antincendio, applicabili indistintamente alle diverse attività;
Sezione S Strategia antincendio, contiene le misure antincendio di prevenzione, protezione e gestionali applicabili alle diverse attività, per comporre la strategia antincendio al fine di ridurre il rischio di incendio;
Sezione V Regole tecniche verticali, contiene le regole tecniche di prevenzione incendi applicabili a specifiche attività o ad ambiti di esse, le cui misure tecniche previste sono complementari o integrative a quelle generali previste nella sezione “Strategia antincendio”. Tale sezione sarà nel tempo implementata con le regole tecniche riferite ad ulteriori attività;
Sezione M Metodi, con la descrizione delle metodologie progettuali.
 
Vai alla lista