Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
J.F. AMONN Srl

CONCETTO DI CALCESTRUZZO EQUIVALENTE NEL TRATTAMENTO PROTETTIVO DI STRUTTURE IN C.A E C.A.P

Approfondimento tecnico

15.09.2016 - Nelle verifiche di resistenza al fuoco degli elementi in c.a./c.a.p....
 
 

Nelle verifiche di resistenza al fuoco degli elementi in c.a./c.a.p. i fattori principali di analisi sono il valore di copriferro (inteso come distanza dall’asse dell’armatura principale al lembo della sezione esposto al fuoco- vedi fig.1) e la geometria della sezione trasversale.

Qualora l’elemento non possieda i requisiti di resistenza richiesti in quanto carente del ricoprimento minimo necessario dei ferri di armatura, come si può intervenire? Ad esempio utilizzando un prodotto che permetta di raggiungere lo scopo e “sanare” lo spessore di calcestruzzo mancante. Il contributo offerto dal protettivo si manifesta tramite un rapporto di equivalenza con il calcestruzzo. Le prove condotte secondo la norma di qualifica di prodotto EN 13381-3 prevedono di testare sia per trave, sia per soletta due campioni identici (con caratteristiche previste all’interno della norma stessa) ai quali applicare rispettivamente un quantitativo di protettivo minimo e massimo definiti in base alle scelte del produttore. Dai risultati ottenuti è possibile dedurre l’equivalenza protettivo -cls, che varierà in funzione di:

• Elemento analizzato (TRAVE/PILASTRO) o (SOLAIO/ PARETE)
• Classe di resistenza al fuoco R

Vediamo di seguito un esempio pratico che prevede l’impiego di una vernice intumescente, soluzione pratica, semplice e non invasiva.

Esempio. Soletta in c.a. sp. = 16 cm ed “a” = 2 cm, da adeguare a classe R 120. Da figura 2 si rileva un valore di “a” non sufficiente a garantire il requisito richiesto.

Per certificare l’elemento, è necessario incrementare il valore di «a» di 2 cm!!!.
Come il professionista può intervenire? In modo semplice e rapido andando a leggere all’interno del rapporto di classificazione le indicazioni riportate al paragrafo “SPESSORE EQUIVALENTE” e dedurre il quantitativo necessario alle proprie esigenze.






 
Vai alla lista