Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
J.F. AMONN SPA

Vernici intumescenti. Non solo comportamento al fuoco.

Rivista Antincendio - aprile 2015

16.04.2015 -
Quando si parla di prodotti destinati alla protezione passiva dal fuoco di elementi strutturali, in particolare da applicare su elementi in acciaio, il primo pensiero va agli aspetti legati alle performance: consumi in funzione della classe di resistenza al fuoco, della temperatura critica di progetto e del tipo di esposizione al fuoco.

Si rileva tuttavia come la messa in opera di un sistema protettivo contro il fuoco stia assumendo nel tempo sempre più la connotazione di “installazione di impianto antincendio”. Per tale motivo il trattamento degli elementi strutturali, portanti o separanti, con un ciclo di verniciatura intumescente, deve essere preceduto da un’attenta fase progettuale, che preveda la scelta ed il dimensionamento del sistema protettivo da applicare. Questa fase di studio si sviluppa in relazione sia alle condizioni d’uso dell’opera, che alla tipologia delle strutture da proteggere ed al tipo di fuoco e di carico a cui sono soggetti gli elementi da trattare. All’applicazione devono seguire poi varie attività di verifica che riguarderanno diversi aspetti. Innanzitutto il controllo della congruità delle prestazioni del protettivo prescelto in funzione di quanto richiesto dall’Autorità competente; l’esame delle pratiche di corretta posa in opera del trattamento, in relazione a quanto indicato nella documentazione tecnica di prodotto rilasciata dal produttore; infine i controlli periodici sulle procedure di attuazione dei piani di manutenzione previsti dal produttore, secondo quanto specificato dalle norme tecniche per le procedure di applicazione e di marcatura CE dei prodotti in questione.

Va sottolineato poi come l’importanza e la necessità di avere prodotti conformi a quanto previsto dalla CPR 305/2011, attraverso le ETAs ottenute per i prodotti Amotherm Steel WB e Amotherm Steel SB, non sia solo l’adeguamento ad una norma, ma rappresenti la maturità e la crescita del mercato della protezione passiva dal fuoco. Lo stesso dicasi per la durabilità legata ad una procedura di manutenzione, che vede nella scheda tecnica di manutenzione il documento di riferimento. Possiamo quindi affermare che si tratta di un processo in cui vengono coinvolte varie figure professionali, reso sempre più difficile dalla necessità di avere una buona conoscenza delle norme.
Gli aspetti sperimentali, le scelte tecniche di progetto basate sui calcoli e la documentazione rischiano però di essere vanificate poiché, sebbene le verifiche ed i controlli sulla realizzazione dell’opera siano di norma affidati ad ispettori o a specifiche figure professionali riconosciute allo scopo, l’esecuzione di gran parte di queste attività è di stretta pertinenza dell’impresa di applicazione. Pertanto la qualità dell’installazione dipenderà in larga misura dalla competenza degli operatori coinvolti.
J.F Amonn, produttore delle vernici intumescenti della linea Amotherm, non si presenta sul mercato solo come azienda di produzione e vendita, ma proprio alla luce di quanto descritto vuole e deve essere anche un collaboratore con cui dialogare per trovare soluzioni, informazioni e risposte di carattere tecnico e normativo. Vi offriamo pertanto il nostro servizio di consulenza attraverso l’indirizzo ingass@amonncolor.com a cui inviare le Vostre richieste di informazioni e consulenza tecnica.
 
Vai alla lista