Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
J.F. AMONN SPA

Come si proteggono il latero cemento e il calcestruzzo armato o precompresso?

Questi elementi da costruzione con la loro natura combinata di parti metalliche, calcestruzzo e laterizio, a volte necessitano di un adeguamento delle loro capacità di protezione dal fuoco. Esistono vari modi per intervenire con complessità e costi differenti.
 

Le strutture in calcestruzzo armato o precompresso, così come anche i solai in latero cemento, vengono già gettate, posate o fornite predimensionate per la resistenza al fuoco richiesta al momento della costruzione della struttura. Questo dimensionamento è ottenuto mediante un adeguato copriferro che funge da isolamento della componente metallica interna. Al variare di destinazione d’uso o all’aumento del carico d’incendio e in diversi altri casi, può essere richiesta una resistenza al fuoco superiore rispetto a quella originariamente prevista. In questi casi si può agire mediante l’aumento dello spessore del copriferro, aggiungendo appunto strati di calcestruzzo, o con l’utilizzo di sistemi di protezione passiva dal fuoco. Analogamente ci si comporta per quanto riguarda il solaio in latero cemento.
I rivestimenti protettivi delle strutture di c.a. e c.a.p. e latero cemento, normalmente vengono suddivisi in base alle tipologie applicative in pitture intumescenti, intonaci spruzzati e rivestimenti in lastre.
La scelta del sistema di protezione da applicare nelle varie situazioni progettuali tiene conto di molti aspetti differenti, come ad esempio le esigenze architettoniche ed economiche, le condizioni ambientali e la resistenza al fuoco prescritta per l’edificio.
In particolare le vernici reattive si applicano e si presentano in opera come normali vernici e non alterano l’aspetto e la geometria degli elementi strutturali sui cui vengono applicate. In caso d’incendio però, all’innalzarsi della temperatura, reagiscono chimicamente trasformandosi in una schiuma carboniosa - con ottime capacità di isolamento termico - il cui spessore diventa 80/100 volte quello iniziale, fungendo da efficace barriera temporanea di difesa.

 
Vai alla lista